Anakoinosis: un percorso terapeutico antitumorale che fa sperare

All’Università di Tor Vergata continuano le ricerche della Professoressa Lina Ghibelli

ROMA - La professoressa Lina Ghibelli, docente di Nano-biotecnologie, e ricercatore al Dipartimento di Biologia dell’Università di Roma Tor Vergata, continua  senza tregua
la sua ricerca sulla terapia “Anakoinosis”, messa a punto dal Prof. Albrecht Reichle del Dipartimento di Ematologia e Oncologia dell’Università  di Regensburg in Germania, nella speranza che questi studi possano approdare a risultati efficaci contro il cancro.

Prof. Albrecht Reichl

“L’anakoinosis  - afferma  Ghibelli -   si propone  come un potenziale nuovo paradigma nelle terapie anticancro, con una diversa strategia che potrebbe portare a un effetto antitumorale duraturo perché basata sul principio della rieducazione dei tessuti, invece che puntare all’eliminazione delle cellule “sbagliate”.

A breve pubblicheremo un’intervista approfondita con la Prof.ssa Ghibelli in vista del prossimo congresso internazionale che si terrà a Roma nel maggio 2020 e al quale parteciperanno scienziati da tutto il Mondo tra i quali il Prof. Reichle stesso, il Prof. C. Gerner dell’Università di Vienna, la dr.ssa G. Piaggio dell’Istituto Regina Elena di Roma, il dr. P. Pantziarka di Anticancer Fund, Belgio, il Prof. E. Traversa, ora Attaché Scientifico all’Ambasciata Italiana a Tokyo.