Lo scenario di oggi e di domani per le strategie competitive. Parte a Cernobbio la 43ma edizione del Forum Ambrosetti

ROMA  - Prende il via oggi, venerdi' primo settembre, a Villa d'Este di Cernobbio, per concludersi domenica 3 settembre, la quarantatreesima edizione dell'annuale Forum Ambrosetti, dal titolo "Lo scenario di oggi e di domani per le strategie competitive". Missione e ambizione del Forum, secondo quanto riferisce un comunicato, sono quelle di offrire alla classe dirigente internazionale ed italiana un'occasione di approfondimento serio e qualificato - supportato da analisi e ricerche - sugli scenari geopolitici, economici, tecnologici e sociali e sulle loro implicazioni per le imprese e per i Paesi. Per il quarto anno consecutivo The European House - Ambrosetti e' stata confermata primo think tank privato italiano, tra i primi dieci in Europa e nei primi 100 indipendenti su 6.846 a livello globale nell'edizione 2016 del Global Go To Think Tank Index Report dell'Universita' della Pennsylvania. Coerentemente con questo riconoscimento, durante il Forum verranno presentate molte analisi e ricerche realizzate dal centro.

Il programma del Forum prevede lo sviluppo di vari temi. Oggi si parlera' di sfide globali del futuro e degli impatti sull'economia; del quadro economico globale; degli sviluppi scientifici e tecnologici; e sono previsti inoltre gli interventi di rappresentanti governativi di Italia, Russia, Stati Uniti, Cina e Singapore. Domani, invece, il focus si concentrera' sull'Europa ed e' previsto l'intervento del primo vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans; ma la discussione vertera' anche sul futuro del mondo del lavoro e su un country focus sugli Stati Uniti che vedra' l'intervento dei senatori Lyndsey Graham e John McCain, di Laura d'Andrea Tyson e del direttore dell'intelligence statunitense Dan Coats; inoltre e' previsto l'intervento del presidente del del Consiglio dei ministri Paolo Gentiloni. Infine, domenica 3 settembre si parlera' dell'Italia dando voce a rappresentanti delle opposizioni, ma anche discutendo dei temi della giustizia, della ricerca e dell'innovazione, della sicurezza e dell'economia e della finanza.