E’ on line il nuovo portale aziendale di Labozeta Spa

ROMA - Labozeta Spa è lieta di annunciare che è on line il nuovo portale aziendale all’indirizzo www.labozeta.it.
Il nuovo sito ha subito un completo restyling grafico e contenutistico rispetto alla precedente versione, ponendosi l’obiettivo di diffondere maggiori conoscenze sul mondo Labozeta. Attraverso i nostri contenuti vi terremo costantemente aggiornati sui settori di nostra competenza, quali la Salute, il Forense, la Ricerca, la Didattica, l’Industria e il Controllo. Inoltre saranno reperibili tutte le informazioni che riguardano i comunicati stampa dell’azienda, le iniziative future, le interviste, i prossimi seminari di formazione professionale e le divulgazioni scientifiche che riguardano i progetti.

Il sito è suddiviso inoltre in quattro macroaree come la progettazione (Work), la formazione e l’informazione (Learn), le comunicazioni, le interviste e la rassegna stampa (Press), gli editori di eccellenze, in cui saranno disponibili i testimonial dei progetti importanti (Write).
Cercheremo di utilizzare delle nuove tecnologie e applicativi, diventati imprescindibili nel campo dei new media. L’utente sarà quindi facilitato, attraverso una navigazione semplice, diretta e intuitiva.

“Dopo, oltre 30 anni di storia, - afferma Giancarlo De Matthaeis, presidente di Labozeta Spa -  vogliamo interpretare questo nuovo portale come un vero e proprio cambio generazionale. Siamo consapevoli di cosa significhi fare innovazione, senza tuttavia dimenticare chi siamo e da dove veniamo. L’ispirazione che ci ha portato fin qui non è solo la necessità di accrescere e saldare ulteriormente i rapporti con il mondo che ci circonda, ma tentare di raccontare quello che facciamo in maniera semplice e onesta, con la passione e la voglia del sapere che ci ha sempre accompagnato. Faremo questo percorso assieme a voi, - conclude De Matthaeis - in punta di piedi, senza dimenticare che dietro le tante eccellenze che questo Paese rappresenta ci sono delle persone in carne e ossa con i loro sogni, i loro progetti e la voglia di guardare con ottimismo il futuro, senza dimenticare l’eredità che il passato ci ha donato”.