A Nanoinnovation un laboratorio Labozeta per la sicurezza e la sostenibilità

Dall’11 al 14 settembre presso la sede della Facoltà di ingegneria Civile e Industriale di Sapienza Università di Roma 

Labozeta, nell'ambito di questa full immersion in cui si discuterà di nanotecnologie nelle sue molteplici sfaccettature, esporrà in soli otto metri quadrati un laboratorio dedicato a questo importante settore di mercato che negli ultimi anni ha registrato un’impennata esponenziale.   

"Le nanotecnologie - spiega il Prof. Luigi Campanella, coordinatore scientifico di Labozeta Spa -  rappresentano un avanzamento scientifico significativo per molti settori, ma al tempo stesso hanno posto nuovi problemi e suscitato nuove attenzioni in un campo come quello della sicurezza a cui, il sistema impresa a e della ricerca accademica è particolarmente sensibile". 

"L'impatto delle tecnologie sperimentali sull'organismo umano, la tossicità delle nanoparticelle,, la protezione attiva e passiva rispetto a specie di dimensioni nanometriche, impongono ricerche finalizzate e ambienti di lavoro adeguati. In questa logica - conclude Campanella - la presentazione del Laboratorio Labozeta, modello di sicurezza e sostenibilità all'interno di Nanoiinoivation, è motivo di soddisfazione e di speranza verso la soluzione dei nuovi problemi legati ad un avanzamento tecnologico rispettoso dell'uomo e dell'ambiente". 

"L'intento - aggiunge Giancarlo De Matthaeis, presidente di Labozeta Spa - è quello di diffondere il valore della sicurezza e della sostenibilità. In oltre 30 anni di attività abbiamo individuato le necessarie condizioni per favorire la multidisciplinarietà nel laboratorio scientifico nei vari ambiti in cui è presente.

Questa esperienza - conclude De Matthaeis - è anche motivo di confronto su un tema così complesso e affascinante  come quello delle nanotecnologie, nel quale si nutrono molte speranze per migliorare le condizioni di vita delle persone".